29/02/2012
La parlamentare Pd e il segretario comunale di San Gimignano commentano l ultimo episodio di aggressione nel carcere.
Cenni, Guicciardini (Pd): “Adesso accelerare, occorrono interventi urgenti per mettere in sicurezza il carcere di Ranza”

“Il livello di allarme per il carcere di Ranza continua a salire e ogni giorno che passa si rende sempre più necessario un intervento concreto per ridurre il numero dei detenuti e rendere più sicura ed efficiente la condizione lavorativa degli agenti di polizia penitenziaria”. Con queste parole l’onorevole Susanna Cenni, parlamentare toscana del Partito democratico, e Niccolò Guicciardini, segretario dell’Unione comunale Pd di San Gimignano, commentano l’episodio di violenza al carcere di Ranza dei giorni scorsi, che ha visto l’aggressione, da parte di due detenuti, a un agente di polizia penitenziaria per sottrargli le chiavi della cella.

“Esprimo tutta la mia vicinanza e tutto il mio appoggio - commenta Susanna Cenni - all’agente che è stato aggredito e a tutto il personale che lavora nel carcere di Ranza con non pochi sacrifici, data la presenza di un numero di agenti inferiore al necessario. L’aggressione dei giorni scorsi va ad aggiungersi a moltissimi altri episodi di risse, tentativi di suicidi ed evasioni, che riflettono la drammaticità della situazione della casa di reclusione di Ranza e rende sempre più urgente l’impegno che il Governo si è assunto qualche settimana fa, approvando un ordine del giorno sulla struttura penitenziaria nel comune di San Gimignano, durante l’approvazione del decreto Svuotacarceri. Il Governo si è impegnato, infatti, ad adottare iniziative urgenti per risolvere i problemi della struttura legati all’approvvigionamento idrico e alle questioni di natura strutturale e organica che la rendono poco sicura sia per i detenuti, presenti in misura superiore rispetto alla capienza, che per il personale di polizia penitenziaria. Ci auguriamo, dopo l’ennesimo episodio di violenza, che questi provvedimenti siano adottati al più presto”.

“La situazione è diventata ormai insostenibile - aggiunge Niccolò Guicciardini - e gli episodi di violenza tra i detenuti aumentano in modo esponenziale, mettendo a rischio anche gli agenti di polizia penitenziaria. L’attenzione degli enti locali sul carcere di Ranza è sempre stata molto alta e continuerà a esserlo finché non si arriverà a una soluzione. Al prossimo consiglio provinciale, intanto, presenteremo come Pd un ordine del giorno per chiedere un maggiore impegno da parte di tutte le istituzioni coinvolte, per individuare proposte concrete che possano rendere più sicura la casa di reclusione di Ranza”.

Susanna Cenni e Niccolò Guicciardini incontreranno nei prossimi giorni le organizzazioni rappresentative degli agenti per concordare con loro ulteriori iniziative.



newsletter
Iscriviti e ricevi via email le nostre notizie!

sondaggio
Giovani Democratici Siena
Partito Democratico | San Gimignano (Siena) · Via San Giovanni, 28 · Tel. 0577 940334 · Fax 0577 907186 · Email: info@sangimignanopd.it | Area riservata