26/04/2012
Ce bisogno di piu Politica. Ma di buona Politica.
E’ un periodo durissimo. Una fase storica, quella di maggiore difficoltà della nostra Italia repubblicana, che ridisegnerà profondamente gli equilibri economici, sociali e anche culturali. Le misure del Governo Monti sono durissime, tanto dure quanto sta richiedendo la combinazione diabolica tra la peggiore crisi economica dal 1929 ad oggi ed il peggior Presidente del Consiglio in sella fino a pochi mesi fa. Il lungo tramonto del Governo Berlusconi ha stagliato lunghe ombre di inefficienza, inefficacia, irresponsabilità e discredito. Ci possiamo lasciare alle spalle –e noi dobbiamo batterci perché sia così- una politica fatta di gossip, annunci, conflitto di interesse, personalismo e inefficacia. Il perseguimento quasi scientifico della frammentazione della società in un nugolo di interessi particolari, conflittuali tra loro e risolti nel loro fine, al di là della legge e della moralità, si è instillato nelle maglie larghe di una società senza bussola. E noi dobbiamo contrapporre il senso di comunità, solidarietà e equità. Questo sia adesso, nel contributo al Governo Monti, sia soprattutto domani. Nel 2013.
Anche il Partito Democratico ha i suoi limiti, ma nella sfida delle elezioni del 2013 si giocherà una partita senza precedenti: decideremo a chi affidare la costruzione del nuovo punto di approdo dopo la crisi. Un approdo che sarà diverso da quello da cui siamo partiti, prima della crisi. E non possiamo permetterci che a condurci in questo viaggio duro, in mezzo alla tempesta, in un mare sconosciuto, sia l’irresponsabilità della destra. C’è bisogno di ciascuno di noi adesso, ed il Partito Democratico vuole e deve essere lo strumento per dare voce a quell’Italia onesta e laboriosa, fatta di gente che lavora e contribuisce allo sviluppo della società. C’è questa Italia migliore, i sangimignanesi ne sono una testimonianza, che vuole avere voce. Per questo, il Pd può essere, in quanto in sostanza unico partito non legato alla vicenda personale di qualcuno, lo strumento in cui poter essere protagonisti. Non possiamo lasciare la politica in mano agli interessi, alle oligarchie, a pochi individui.
La Politica è una cosa bellissima, e per questo chi ogni giorno la nega, di qualsiasi parte politica, attraverso i propri comportamenti incoerenti o addirittura illegali, va condannato. Non si deve però fare il gravissimo errore di considerare tutti uguali, perché così non è. In questo modo, si fa un piacere a chi interpreta indecorosamente il proprio luogo pubblico, mentre si mortifica chi cerca di intendere la Politica per quello che deve essere: una cosa bella da fare per gli altri, per la collettività, per la propria comunità. Poche settimane fa, a San Gimignano, abbiamo avuto ospite Dario Vassallo, fratello del Sindaco di Pollica Angelo, ucciso barbaramente con nove colpi di pistola. In questi giorni, si legge di un Sindaco nel sud Italia a cui hanno sparato alla macchina, a cui hanno incendiato la farmacia di famiglia. Proviamo a guardare anche a questi esempi, assieme a tanti altri, per poter provare a costruire sempre più, tutti insieme, una Politica giusta, aperta, equa e incisiva.
Chi pensa che serva meno Politica in questa fase di crisi, si sbaglia di grosso. C’è bisogno, invece, di più Politica, intesa nel senso pieno della parola: occuparsi insieme della nostra comunità.
In queste settimane, a San Gimignano, il Partito Democratico sta portando avanti il proprio lavoro con tutta la passione possibile, grazie a decine e decine di sangimignanesi che si spendono volontariamente. Lo abbiamo fatto nelle iniziative degli ultimi mesi, lo faremo nelle feste democratiche, lo facciamo nell’impegno a pensare a San Gimignano e al suo futuro.
Proprio adesso siamo giunti alla metà della legislatura e abbiamo svolto un approfondito lavoro di analisi, ragionamento e approfondimento di cui si parla in questo giornalino. Abbiamo anche immaginato un grande cantiere aperto per riflettere sulla San Gimignano di domani che ci accompagni nei prossimi mesi. Spero che anche tu vorrai partecipare a questo grande cantiere per provare a declinare insieme quello che dicevo poco fa.
C’è bisogno di entrare nel merito delle cose, di fare azioni concrete. E nelle prossime settimane ne parleremo in molte occasioni, a partire dalla Festa di Primavera presso la Rocca di Montestaffoli dal 27 Aprile al 2 Maggio.
Ho riletto più volte questo breve articolo, e mi sono chiesto se forse non era meglio parlare d’altro. Alla fine mi sono convinto che era giusto così: provare a farsi qualche domanda di senso profonda su come vogliamo questa società democratica. Domandarsi se forse non sia venuto il momento, come è stato fatto da chi ha posto le basi di questa nostra democrazia, di caricarsi addosso ciascuno un grande senso di responsabilità per una forte riscossa civica che, mediante coesione ed equità, ci porti fuori dalla crisi in una società più giusta. E allora tutto questo articolo forse non è fatto solo da parole vane, ma anche della base di quello che ogni giorno fa il Partito Democratico a San Gimignano e per San Gimignano, con la fatica e l’impegno di tanti. Chiunque voglia stare alla sfida, sappia che c’è un luogo, questo partito, che è sempre aperto.





newsletter
Iscriviti e ricevi via email le nostre notizie!

sondaggio
Giovani Democratici Siena
Partito Democratico | San Gimignano (Siena) · Via San Giovanni, 28 · Tel. 0577 940334 · Fax 0577 907186 · Email: info@sangimignanopd.it | Area riservata