09/01/2014
San Gimignano ok al Bilancio comunale 2014
La seduta del 30 dicembre scorso del Consiglio Comunale di San Gimignano ha dato il via libera al Bilancio comunale 2014, l’ok all’adozione del piano di edilizia economica e popolare per 32 alloggi nel quartiere di Belvedere e all’adesione del Comune al Protocollo di Intesa per Siena Capitale europea della cultura 2019. La maggioranza “Centrosinistra per San Gimignano” (PD e SEL) ha votato compatta le proposte avanzate dalla Giunta guidata dal Sindaco Bassi. Proposte che hanno tutte ottenuto l’unanimità del Consiglio ad eccezione del Bilancio preventivo che ha visto il voto contrario delle opposizioni (PdL, Lista civica e PRC).
Le novità del Bilancio 2014. La novità per il 2014 è la sperimentazione del Bilancio redatto secondo le direttive europee con un anno di anticipo. Questa sperimentazione dovrebbe consentire un bonus sul Patto di Stabilità liberando maggiori risorse da impiegare per le opere pubbliche. Per il resto il Bilancio 2014 conferma tutte le note positive degli ultimi 4 anni: nessun aumento delle imposte direttamente amministrate e dipendenti dal Comune; conferma degli stanziamenti per tutti i servizi erogati a partire dai servizi sociali, assistenziali e fondo affitti, per le politiche educative e scolastiche e poi per le politiche culturali, turistiche e per l’associazionismo locale; confermate anche le risorse per le manutenzioni ordinarie. Previsto un piano di opere pubbliche da oltre 2 milioni di euro. Un bilancio quello per il 2014 che risente del clima di forte incertezza sul lato delle entrare, dovuto al caos nazionale sulla tassazione sulla casa e sui servizi.
Le scelte della maggioranza. “E’ un bilancio prudente – commenta Andrea Marrucci in qualità di capo gruppo del Centrosinistra per San Gimignano – non solo per l’incertezza che regna sul fronte delle imposte su casa e servizi ma anche perché solo in parte sarà gestito da questo Consiglio, dato che a maggio si voterà. Tuttavia il governo delle entrate sarà gestito come sempre: declinando al minimo la parte manovrabile dal Comune delle imposte nazionali. L’abbiamo già fatto nel 2013 sull’Imu applicando le aliquote locali più basse d’Italia, faremo lo stesso quest’anno appena sarà chiaro come possiamo intervenire. Per il resto le tariffe dei nostri servizi, quelle che dipendono da noi, dal turismo alla scuola fino al sociale restano ferme ai livelli di 5 anni fa. Continuiamo a non applicare l’addizionale Irpef ai Sangimignanesi, manteniamo quasi a zero i debiti del Comune e, nonostante 8 milioni di risorse bloccate per il Patto di Stabilità, garantiamo su tutto il territorio comunale oltre 2 milioni di investimenti in opere pubbliche”. “Non va tutto bene – conclude Marrucci – abbiamo, ad esempio, ancora margini di miglioramento sulle spese per le nostre utenze ma, in un momento come questo, mantenere il bilancio in ordine, non chiudere o ridurre i servizi locali e mantenerli alle stesse tariffe di 5 anni fa è una risposta concreta ad imprese e famiglie. Quanto ai professionisti delle campagne elettorali permanenti, come abbiamo potuto sentire in Consiglio comunale dai banchi dell’opposizione, comunico che la campagna elettorale si aprirà tra poche settimane ma che dal Bilancio comunale cittadini e imprese sangimignanesi si aspettano risposte e non annunci o promesse”.
Opere pubbliche per oltre 2 milioni di euro. “Le politiche di bilancio ed il prudenziale governo delle risorse di questi anni – commenta Massimiliano Fulignati (SEL) vice capo gruppo del Centrosinistra per San Gimignano – non solo consentono anche per il 2014 di mantenere tariffe e servizi come gli anni precedenti, soprattutto quelli con finalità sociali, ma di poter intervenire, in coerenza con il programma di legislatura, con opere pubbliche che rispondono ad esigenze emerse su tutto il territorio comunale, dalle frazioni ai quartieri, con priorità al Centro storico e con l’obiettivo di dare risposte a residenti e turisti”. Sono previsti 250 mila euro per la sistemazione del parcheggio Bagnaia per residenti; 100 mila euro di manutenzione per gli impianti sportivi; 50 mila euro per la riqualificazione dell’area a verde in Santa Chiara in fondo a via Gramsci; 100 mila euro per il ripristino della chiesa di San Lorenzo in ponte acquisita dal Comune con l’Accordo di valorizzazione del San Domenico; 200 mila euro per continuare il processo di adeguamento delle nostre scuole; 200 mila euro per la straordinaria manutenzione di ammattonati e pavimenti di vie e piazze per eliminare l’asfalto dal Centro Storico; 200 mila euro anche per la manutenzione e il rifacimento di asfalti in situazioni critiche (via Gramsci e area industriale di Cusona per fare due esempi); 150 mila euro per la realizzazione di un parcheggio a Santa Lucia; 500 mila euro per l’ampliamento del cimitero di Ulignano e la costruzione del marciapiede di collegamento tra il cimitero stesso, la chiesa, il quartiere della Scala e il centro di Ulignano; 100 mila euro per la sistemazione delle aree a verde di via dei Fossi; 100 mila euro per l’adeguamento antincendio del Teatro dei Leggieri; 300 mila euro per un intervento di consolidamento del Torrione di “Mangiapecore”; 100 mila euro per la sistemazione di un’area a verde nel quartiere di Belvedere ed altri piccoli interventi.
Centrosinistra per San Gimignano

newsletter
Iscriviti e ricevi via email le nostre notizie!

sondaggio
Giovani Democratici Siena
Partito Democratico | San Gimignano (Siena) · Via San Giovanni, 28 · Tel. 0577 940334 · Fax 0577 907186 · Email: info@sangimignanopd.it | Area riservata